Il Monterosso Val d’Arda Festival si prepara ad una nuova edizione, che quest’anno sarà caratterizzata da una fitta rete di collaborazioni con altre realtà. “Le associazioni riescono ad anticipare quello che gli altri soggetti, si limitano ad annunciarlo” così ha dichiarato il responsabile del Festival, Franco Ticchi. Da anni infatti il festival del comune piacentino ha stretto rapporti con il Festival del Malvasia di Sala Baganza, una collaborazione nata da un incontro durante l’expo 2015. “ L’area di destinazione turistica Emilia, per noi esiste già. Talvolta le istituzioni preposto tendono ad ignorare le realtà già consolidate” ha affermato di nuovo Franco Ticchi. I rapporti con la Pro Loco di Sala Baganza sono ottimi e da subito abbiamo trovato una comunione di intenti. Dallo scorso anno è stato attivata una collaborazione con il festival “Vinoleno” che si svolgerà nel vicino comune di Vernasca; a Vigoleno ed ha come punto di riferimento il Vin Santo di Vigoleno. In questi giorni si è tenuta una riunione, tra una delegazione capeggiata da Giuliano Visconti, responsabile dell’organizzazione di Vinoleno e Matteo Cordani e Franco Ticchi, in rappresentanza del Monterosso Festival, per discutere delle modalità di collaborazione tra i due festival piacentini. La “rete” del Monterosso, non finisce qui infatti grazie al gemellaggio tra Castell’Arquato ed il comune di Carry-le-rouet in Francia; il Monterosso Festival, ospiterà anche una cantina dell Provenza. E’ già in cantiere un ulteriore ampliamento della rete del Monterosso Festival, solo da uno scambio reciproco potranno emergere ed essere conosciute le realtà locali., Sicuramente il motto di questa rete è “l’unione fa la forza”.


La “rete” del Festival

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *